“IO RITORNO DOMANI” di Flavio Girardelli (Recensione di Lisa Molaro)

Di seguito una mia recensione che avevo scritto per ” Cultura al femminile”:

Una storia, di pochi e di molti. Un tempo, il loro. Le sfumature, a volte invisibili ad occhi distratti!
Linguaggio lineare, stile narrativo moderno, frasi corte, ritmo veloce.
Amo immergermi in descrizioni minuziose, quasi in copioni da “sceneggiatura film” ed in questo caso il mio diletto è stato appagato visto che l’autore non mi ha portato in punta di piedi dentro ad una baita ma mi ci ha proprio sbattuta dentro, anzi ..mi ci ha portata a bordo di un furgoncino azzurro sbiadito, un furgoncino con una chitarra dipinta su una delle due fiancate, un furgoncino al cui interno mille odori si confondono fra loro e una lattina vuota si muove fra i sedili…ah..particolare non trascurabile: il furgoncino è una Lei e si chiama Camomilla ( ho subito pensato alla mia macchina che è femmina e che si chiama Golia! ); particolari di vita che possono essere i miei, possono appartenere al mio vicino di casa o possono non essere di altri che non siano i protagonisti di una storia che sembra comune ma in fondo non lo è per nulla!
Si inizia e si finisce, questo libro, con la rapidità con cui lo stereo inizia a diffondere le canzoni di un cd, musica che poi terminando lascia un attimo in riflessione il lettore. Silenzio, gioia, pianto, lacrime, statue, marmo, legno, montagna, mucche, ciabatte a forma di animali, biscotti a forma di cuore, fatti con il burro di malga ( quindi me li sono immaginati col loro tipico color giallino, deliziosi anche se non proprio dietetici !) e con al centro un ripieno di marmellata e miele, montagne che scrivono grazie ad un inchiostro fatto di nuvole, parole dolci nell’aria, finte gelosie, paura, incontro, scontro..
Il libro è breve e veloce da leggere, quindi più che qualche parole chiave non voglio riportarvi, basti dire che è un caleidoscopio di cose belle da leggere e da guardare con gli occhi di una fantasia assistita, guidata dall’autore con frasi pulite e dialoghi diretti.
Zucchero e sale, quindi, in una ciclo fatto da tatuaggi complementari…tatuaggi sulla pelle, sul cuore, sulle nuvole,  fra le note di una canzona, o fra il suono di un ricordo. Tatuaggio nell’anima!
P.s: se sono partita su un furgoncino azzurrino, sono ritornata in città su una macchina ad idrogeno..peccato non averne saputo il nome, sarebbe stato carino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: