“Celeste (prima del tramonto)” di Laura Massera.

 “Celeste” di Laura Massera.

Celeste, Laura Massera

In copertina i colori dell’acqua.

Sfumature d’azzurro si confondono grazie a colpi di pennello o a contagocce che lasciano scivolare tinte da lasciare in evidenza.

Una donna, bocca socchiusa e sguardo lascivo… una donna che non si chiama Celeste ma che di quel colore ha gli occhi e di quel colore riempie lo sguardo posandolo in quello dell’uomo che la farà innamorare.

In questo libro c’è Lei: Lisa, c’è lui : Stefano, c’è ancora lui: Enrico, e poi ci sono anche loro: Claudio, Annalisa, Simona, Emma, Barbara …

Lei è una ritardataria cronica, una che si autodefinisce misantropa (io non credo lo sia visto che, in fondo, tanto avversa ai rapporti con gli altri non è… anzi!). Ama trascorrere le serate in compagnia dei libri e ogni cosa che le ritardi il coricarsi con un libro in mano, le risulta irritante e fastidiosa. Lei è bionda con gli occhi azzurri ma si veste in un modo tutto suo e cammina come una scaricatrice di porto.

Lei non è la classica principessina che vive nelle storie d’amore, tra un pasticcino ed un Maltese da coccolare!

Gli altri due “Lui” di cui mescolerò i tratti per non dirvi troppo: uno è ossessionato da un nome, l’altro è ossessionato da una passione. Uno è infedele in un modo e l’altro in un altro. Uno tradisce Lei e l’altro tradisce CON Lei. Uno è fedele allo stile di vita libero e l’altro è fedele alle sue passioni e all’arte (arte o furbo pretesto?). Uno ti saluta chiamandoti sempre per nome e l’altro ti saluta con un frettoloso “Ciao”.

Giriamo intorno alla loro storia, a ciò che stanno vivendo e lo facciamo lasciando che l’autrice cambi spesso stile narrativo e ritmo di lettura.

Sono sincera, ve lo dico subito: se amate un linguaggio classico ed espressioni arzigogolate in cui perdervi tra riccioli e baffi di parole, no, questo libro non fa per voi!

Di sfumature qui ce n’è poche, c’è invece un linguaggio diretto, spiccio, modernissimo, spesso variopinto e in un paio di tratti le sfumature sono proprio a tinte forti!

Due parole su tutte: TRADIMENTO e PASSIONE.

Vivere riempiendo le mani di desideri ed emozioni nel rispetto, o meno, degli altri… nel rispetto, o meno, di se stessi!

Una protagonista che, riferendosi all’amore, diceva:

“Storie d’amore come sbobba trita e ritrita come il cibo cinese importato: per quanto vario possa sembrare il menù, il retrogusto di tutto è dannatamente uguale a se stesso”

Una protagonista che fa un lavoro d’ufficio ma appena può ama disegnare corpi di Donna e che, spiegando i motivi della scelta del soggetto, dice:

«Forse perché è quello che conosco meglio, e poi mi ci rifletto. Ho cominciato da ragazzina, quando mi sembrava di soffocare nella vita che vivevo e mi immaginavo seppellita sotto terra o dentro una scatola a lottare per liberarmi. Da lì ho cominciato a dipingere corpi femminili in fuga. Ma per fortuna non mi sono fossilizzata sulla fuga, anche per questo vorrei esporre una delle donne nel bocciolo di rosa, crescendo mi sono scoperta a trovare anche un po’ di pace nella vita che vivevo e certe situazioni ti coccolano come se tu fossi nella bambagia. L’unica cosa che rimane costante è il corpo femminile, perché mi piace tanto.»

Il libro è diviso in capitoli, quello che personalmente mi è piaciuto di più è stato La voce della donna I .

L’autrice, Laura Massera, ha fatto l’Istituto d’ Arte (anche se poi ha preso l’indirizzo di Architettura) e ha messo la sua evidente passione anche in questo suo libro in cui i disegni, i simboli, le tempere, le tecniche di pittura, la creatività e le tele sono quasi personaggi, tanto hanno un ruolo importante nello svolgersi della trama.

 

Lisa.

Recensione fatta per : https://letteraturalfemminile.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: