Autunno su tela, tra simboli e fantasia…

A proposito d’autunno, oggi ho scelto un quadro di uno dei più importanti pittori dell’età moderna, della scuola ferrarese:

Francesco del Cossa “Autumn (Polyhymnia)” 1455-1460

Francesco del Cossa

La bellezza di questa tela!

Una donna forte, in cima alla collina.

Rientra dalla fatica, ma non ha lo sguardo sfatto.

La scarpa sinistra in bilico sull’orlo dello scalino.

Dietro di lei, vita contadina sparsa nella dorata campagna toscana.

L’abito, rosa antico, par quasi voler contrastare gli arnesi da lavoro che tiene, saldamente, in mano.

La zappa, tirata a lucido e privata dai residui di zolle feconde, se ne sta appoggiata alla spalla, a uso maschile.

Esprime forza, trasuda vigore, questa tela di femminile orgoglio.

Lo sguardo è ciò che maggiormente mi colpisce: è fiero!

Il sopracciglio arcuato, gli occhi leggermente chiusi… sta forse guardando lontano o focalizzando il vicino?

La bocca è chiusa, perché lei è decisa.

Nella mano sinistra, due tralci di vite da cui penzolano tre grappoli d’uva.

Tre.

Una zappa punta a terra, l’altra in cielo e tre grappoli d’uva uniscono i due punti opposti.

Tre… e il multiplo ritorna all’uno.

Oppure l’occhio di chi guarda – mio, in questo caso – ha, semplicemente voglia di vedere!

Forse la simbologia non c’entra…

forse…

  • “In autunno le forme acquistano una plastica maturità – la primavera è pittrice, l’autunno è scultore” Ernst Jünger

La plasticità dovrebbe essere l’opposto della pittura, eppure guardate questa donna… non sembra anche a voi, ferma nel tempo?

2 risposte a "Autunno su tela, tra simboli e fantasia…"

Add yours

    1. Ovviamente il tre è una mia interpretazione, anche io penso non sia un caso, infatti. Attualmente sembra trovarsi a Berlino, al Gemaldegalerie. Non so però se l’ubicazione sia ggiornata, questo è il dato che riporta Wikimedia Commons.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: