In principio erano tavolette d’argilla…

Stanotte ho iniziato a leggere un libro importante.

Le più antiche storie del mondo.

Gaster antiche storie

Tutti conosciamo, chi più chi meno, le favole dei fratelli Grimm; Biancaneve e sette nani li abbiamo incontrati in tutte le salse… per non parlare di Alice nel paese delle meraviglie, che personalmente adoro ma a cui sceneggiatori e scrittori hanno fatto fare davvero la qualunque!

Certo, anche Carroll non si è limitato a pettinare la bambola ma le ha costruito, attorno, un caleidoscopio pazzesco!

Insomma, dicevo, tutti abbiamo presente queste storie, come pure ben conosciamo Ulisse, Minosse, Zeus e abbiamo, sempre chi più chi meno, masticato miti dell’antica Grecia e dell’antica Roma.

Ma se andassimo ancor più indietro?

Se, grazie al panetto di Alice, riuscissimo a farci microscopici e salissimo su un foglio stampato in 3D…

se nel viaggio il supporto si facesse di carta, poi di papiro e infine ci ritrovassimo sdraiati sopra una tavoletta d’argilla?

Oplà, siamo andati indietro nel tempo di molto più di quattromila anni!

Sotto i piedi abbiamo argilla cotta, camminiamo su caratteri cuneiformi.

Cunei orizzontali, verticali o diagonali ci rendono difficili i passi.

Saltelliamo di tavoletta in tavoletta, scritture babilonesi, assire ed ittite… ogni simbolo una sillaba.

Talvolta inciampiamo in qualche ideogramma di origini sumere.

Oh, e quel pezzetto laggiù?

È diverso ancor di più…

una voce dall’alto mi suggerisce all’orecchio “questa è la scrittura dei Cananei“: sempre cuneiforme ma composta da soli ventinove caratteri, ognuno dei quali rappresenta non una sillaba bensì un suono consonantico. Il più antico alfabeto che si conosca e la sua origine non è neppur certa.

Si tratta di una semplificazione della scrittura sillabica?

Oppure si tratta di un adattamento, progenitore della scrittura fenicia, greca, italica?

La risposta non è scontata.

Ma una volta tolto il cappello a quest’articolo, cosa ci sarà mai scritto sopra queste tavolette talmente antiche da non aver più l’odore dell’argilla cotta, addosso?

320px-Cuneiform_script2

Mani delicate e pazienti, di archeologi appassionati, hanno ridato vita a questi cunei… grazie al dotto traduttore – romanziere talvolta – Gaster, sono potuta ritornare ai tempi nostri per leggere, attraverso l’alfabeto odierno, le storie incise allora, con stecchi dalla punta triangolare, detti “stilo”.

stilo

Chi era Theodor Gaster, autore di questo libro?

5190cqsWkhL._SX330_BO1,204,203,200_

Theodor Herzl Gaster (21 luglio, 1906-2 febbraio 1992) è stato un biblista noto per lavori di religione comparata, per lo studio della mitologia e della storia delle religioni.

Theodor Herzl Gaster
Io amo le storie.
Io amo la scrittura.
Io amo la calligrafia.
Io amerò questo libro… questo è certo!

4 risposte a "In principio erano tavolette d’argilla…"

Add yours

  1. Bella recensione, Lisa, grazie! 🙂 Non conoscevo questo autore, ma mi interessa l’argomento di discussione, visto che anche a me piace tuffarmi indietro nel passato, in storie come queste, che sanno di archeologia, miti e Sacra Scrittura… Lo metto subito in lista! 😉
    Ti auguro una splendida giornata! 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: