Di corte in corte, in un settecento alchemico…

Come vi avevo accennato in precedenza, sto leggendo il romanzo scritto dallo scrittore e drammaturgo maltese Frans Sammut su Cagliostro.

Cagliostro Bonfirraro editore

Non si tratta di un romanzo o di una biografia romanzata bensì di una monografia documentata con minuzia e meticolosità.

La bravura di un saggista, a mio parere, si riscontra quando riesce a tener viva l’attenzione del lettore – o dello studioso – senza perdersi in paragrafi corroboranti.

Sammut mi sta facendo salire di mezzo in mezzo, mi sta facendo andare a Malta, a Parigi, a Londra, in Svizzera, a Torino e, ora, pare voglia farmi giungere in una Roma in cui il personaggio che mi precede è ritenuto intrigante… ma nell’accezione negativa del termine!

Cagliostro (non gli faccio precedere alcun titolo – imitando la lettre de cachet scrittagli dal Re in persona) a momenti mi pare uno di quei politici moderni, quelle macchiette, che all’estero deridono alle spalle e in altri mi pare il gatto dei Fratelli Grimm.

C’è da dire che, delle volte, si comporta in modo talmente grottesco da farmi venire in mente quella  famosa imbonitrice televisiva di pozioni e sali magici, quella che urlava sguaiata… avete capito quale, vero?

Un grandissimo furbo o un intrigante che intriga macchinazioni; un orditore di trame tessute ad un telaio fatto di nuvole? Chi era, davvero, Cagliostro? E sua moglie, la megalomane Serafina? Una donna, anzi fanciulla, che si era auto-eletta Grande Maestra di una loggia d’adozione riservata alle donne

Una donna massone?

E l’affaire di collier?

Quella collanuccia da nulla, che la regina Maria Antonietta si era rifiutata di acquistare, prediligendo, allo stesso prezzo, l’acquisto di un vascello da guerra… come mai poi ha cambiato idea?

E se la petite comtesse ci avesse messo uno zampino e due sbattute di ciglia?

Complotto, complotto… complotto in ogni dove!!!

Le pagine volano.

La curiosità aumenta.

La bravura di Sammut era davvero tanta e io sono curiosa, adesso, di sapere cosa accadrà a Roma…

Frans_sammut_zaghzugh

 

Una risposta a "Di corte in corte, in un settecento alchemico…"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: