Cesellare parole, citando solitudini

Antonio Machado, proverbios y cantares, poesia, poeta spagnola, solitudine, cose non vere

“Nella mia solitudine

ho visto chiarissimamente

cose che non son vere.”

Versi contenuti nella raccolta Proverbios y cantares, di Antonio Machado

“Non è l’io fondamentale

ciò che cerca il poeta,

è l’essenziale tu.”

Antonio Machado, vivere, sognare, svegliarsi, poesia, poeta spagnolo

“Oltre il vivere e il sognare

c’è quello che conta di più:

svegliarsi.”

“Uno una volta ha pensato:

cogito ergo sum.

Esagerato!”

“Ho tanti amici miei

nella mia solitudine;

quando sto con loro,

come son lontani!”

“L’occhio che vedi non è

occhio perché tu lo veda:

è occhio perché vede te.”

“Ognuno si sogna i suoi sogni: i poeti, anche quelli degli altri. Ognuno adopera distrattamente la propria lingua: il poeta sa come la lingua che egli accudisce, mola e cesella, sia lei ad adoperarlo. Ognuno ruota sul proprio io: il poeta si effonde nel tu. Ma il poeta, che conosce a perfezione questi schemi da quattro soldi, diffida della propria saggezza: se i sogni che ricordiamo non fossero che trucchi della ragione? Se la lingua-padrona fosse uno strumento dell’arroganza e della vanità di chi la cesella?e se l’invocatissimo tu fosse il tu che i poeti incontrano nello specchio facendosi la barba? Antonio Machado, forse il più grande poeta spagnolo del secolo scorso, che conosce a perfezione schemi e diffide, incastra le sue aporìe da poeta nelle formule di proverbi privati, si appunta ritornelli di poesie che non scriverà, e li caccia a grappoli dentro i suoi canzonieri. Fra duecento Proverbios y cantares, che via via si elidono nella memoria aforismi e barzellette, peschiamone una ventina, sperando che la traduzione li rasenti senza cancellarli.” Vittorio Sermonti – Il vizio di Leggere

Della selezione fatta dal grande Sermonti, io ne ho riportate qui sei.

Mi chiedo, rileggendole, quanto questi giorni governati dal coronaVirus -isolante e imperante – mi abbiano influenzata durante la selezione… ci sto riflettendo ora, a selezione fatta!

Sono giorni di solitudine per molti, questi.

Giorni in cui la capacità di ragione è messa a dura prova e in testa a molti regna il panico.

Si teme il silenzio, si teme la confusione.

Si teme l’isolamento e si teme il contatto.

L’occhio che vede, cosa vede? Il reale? E l’occhio che ci guarda? Quante volte può capitare di sentirsi soli in mezzo alla folla?

La solitudine, a volte, sotto quante maschere vive?

Vittorio Sermonti, Il vizio di leggere, Rizzoli, saggio, saggistica, letteratura, virtù, vizio

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: