“Alla fine il segreto viene fuori” – di Wystan Hugh Auden

Wystan Hugh Auden, Auden, poesia, poeta novecento, storia, storie, segreti, osservare, una parolatira l'altra

Alla fine il segreto viene fuori

Alla fine il segreto viene fuori,
come deve succedere ogni volta,
è matura la deliziosa storia
da raccontare all’amico del cuore;
davanti al tè fumante e nella piazza
la lingua ottiene quello che voleva;
le acque chete corrono profonde
mio caro, non c’è fumo senza fuoco.

Dietro il morto in fondo al serbatoio,
dietro il fantasma sul prato da golf,
dietro la dama che ama il ballo e dietro
il signore che beve come un matto,
sotto l’aspetto affaticato,
l’attacco di emicrania e il sospiro
c’è sempre un’altra storia,
c’è più di quello che si mostra all’occhio.

Per la voce argentina che d’un tratto
canta lassù dal muro del convento,
per l’odore che viene dai sanbuchi,
per le stampe di caccia nell’ingresso,
per le gare di croquet in estate,
la tosse, il bacio, la stretta di mano,
c’è sempre un segreto malizioso,
un motivo privato in tutto questo.

Wystan Hugh Auden, poesia, alla fine il segreto viene fuori, segreto, storia, storie, poesia del novecento

Wystan Hugh Auden York, Regno Unito (21/2/1907 – Vienna, Austria 29/9/1973) Premio Pulitzer per la poesia 1948

Auden – nato in una famiglia della middle-class inglese – è stato uno dei più importanti poeti del novecento; influenzato dagli accadimenti storici e da una vita privata intensa, fu un uomo di indubbio spessore, basti citare il fatto che sposò la figlia di Thomas Mann, Erika, allo scopo di farle ottenere il passaporto inglese rendendole così possibile l’espatrio dalla Germania nazista che le aveva tolto la cittadinanza; il matrimonio non si consumò e i due non condivisero mai lo stesso tetto poichè Auden era omosessuale. La sua prolifica produzione letteraria si contraddistinse per impegno politico, sociale ed ideologico.

Detto questo…

Leggendo questi versi – quelli della poesia che ho sopra riportato – mi fermo a riflettere sulla sensibilità di un poeta che affianca il lume sulle storie “di dietro”. Il volo del gabbiano smette di allargarsi e inizia a stringere sempre di più il cerchio…

Tutti siamo storie che camminano, storie che sorseggiano un caffè, storie che accendono fuochi e che fuochi spengono.

Tutti siamo storie narranti.

Le parole escono – quando e come vogliono – escono da noi e narrano ciò che meglio a loro aggrada.

Certe volte le parole svelano, altre a svelare sono i gesti, altre ancora è l’espressione di un corpo a parlare in silenzio.

Chi guarda, ha sempre facoltà di ascolto.

Bisognerebbe avere il tempo di non doversi mai accontentare delle storie di facciata… però il prenderne consapevolezza è già un buon punto di partenza 😉 !

Questa poesia si potrebbe riassumere (ma sarebbe un’offesa e un’ingiustizia verso la beltà di questi versi accorati!) in un imperativo:

educhiamoci all’ascolto, educhiamoci alla sensibilità!

Lisa.

4 risposte a "“Alla fine il segreto viene fuori” – di Wystan Hugh Auden"

Add yours

  1. … che sia questo il momento giusto per iniziare ad ascoltare, anziché solo sentire? (e vale anche per tutti gli altri sensi)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: