“Nodi”, partendo da un quadro…

scrittura visiva, scrittura per immagini, quadro, John William Waterhouse, sirena, Ulisse, una parola tira l'altra, Lisa Molaro

“Spazzolare, spazzolare… devo spazzolare.

E poi sciogliere, sciogliere… devo sciogliere questi maledetti nodi che mi tengono vincolata ad incantesimi e prigioni.

Perché sono condannata ad intrappolare o a sentirmi in trappola? Nessuno è libero, nemmeno mentre nuota, solo, in mezzo al mare, tra cielo e acqua, tra nuvole e abissi, tra vita e morte.


Sciogli, sciogli, sciogli.


Le altre cantavano. Melodie dolci si insinuavano dentro logica e pensieri. Gli sguardi dei compagni di Ulisse erano tutti per loro, ridicole mezze donne piene di nodi nei capelli! Lui, lui non aveva la cera nelle orecchie… lui ascoltava e mentre lo faceva guardava me, unica sirena triste che non cantava.
Civette, le altre, non davano segno di sconfitta. Continuavano ad innalzare note limpide e delicate; cercavano di rapire i sensi di chi non le udiva. Loro, legate dentro i nodi dei loro lunghi capelli; loro, vittime del loro stesso incantesimo senza possibilità di svincolo.

E io… e Lui.

Io inerme davanti a tanta virile bellezza e lui forse disarmato davanti alla mia unicità. Io stavo zitta, a bocca chiusa. I miei lunghi capelli si muovevano sinuosi, sulla superficie fredda dell’acqua scura e traditrice. Gli occhi miei fermi, in silenzio, senza voce cantavano, sfidando quella corda che lo teneva stretto e che pareva fondersi con la sua carne abbronzata.

Un cedimento suo, un attimo, un secondo.

Mi sono girata di scatto porgendogli la schiena e sono venuta qui ad aspettare colui che mai è arrivato.

Chi rapisce? Chi si libera? Chi vince? Colui che non nuoce o colui che resiste?
Non ti avrei trascinato in fondo al mare, ti avrei portato qui e insieme avremmo provato a sciogliere il nodo che ci lega all’impossibile.

O forse no…
Annodare, sciogliere. Annodare e sciogliere… in un movimento ritmico, incessante e senza fine.”

Lisa.

Improvvisando un quadro.

Sirena, pittore inglese, John William Waterhouse, quadro, arte vittoriana, una parola tira l'altra, nodi, Lisa Molaro,racconto
“Sirena” del pittore inglese, vittoriano, John William Waterhouse

“Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza” (Dante, Inferno XXVI v. 119).

Una risposta a "“Nodi”, partendo da un quadro…"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: