“Evoluzione culturale” – Luigi Luca Cavalli Sforza

"Evoluzione culturale" Luigi Luca Cavalli Sforza. Con un saggio di Telmo Pievani. Treccani. Saggistica italiana

Luigi Luca Cavalli-Sforza (Genova, 1922 – Belluno, 2018) è stato uno dei maggiori protagonisti della scienza del Novecento. Professore a Stanford, biologo, genetista antropologo, ha affiancato la carriera di ricercatore a quella di divulgatore. Numerosi i libri da lui scritti (li potete trovare qui assieme a questo piccolo volume che ho da pochi giorni terminato di leggere: “L’evoluzione culturale” (Istituto della Enciclopedia Italiana, 2019).

Dalla sua biografia si apprende che “nel periodo liceale Luigi Luca Cavalli-Sforza ricorda una lezione in cui il suo professore di religione affermò di non credere nella teoria evoluzionistica. L’allora quattordicenne Luca dichiarò di essersi interessato alla lezione non per ribellione, ma perché le prove riportate dal professore non avevano alcuna base logica, a differenza dell’evoluzione, che gli sembrava “del tutto ragionevole”. Qualche anno dopo si rese conto dell’utilità di quella lezione nell’indirizzare e determinare le sue scelte di vita.”

L’importanza di istigare il dubbio, il punto di domanda, il bisogno di confutare, di cercare le risposte animati da una fame di sapere… questo dovrebbe essere il vero motore didattico, non solo allenamento mnemonico! Ma di insegnanti bravissimi ce ne sono a iosa (voglio crederci!) e non è questo lo spazio per una personale polemica.

Sta di fatto che gli studi e le ricerche di Luigi Luca Cavalli-Sforza si sono incentrati, in maniera particolare, sulla genetica delle popolazioni e sulle migrazioni dell’uomo anche se non si deve, di certo, omettere di scrivere accanto al suo nome il piccolo Drosophila melanogaster, il moscerino più famoso della storia della genetica, per la facilità con cui si individuano al microscopio i suoi cromosomi; o le sue ricerche sulla fibrosi cistica, sull’Escherichia coli, sulla neurofibromatosi o sull’autismo. L’ho scritto sopra, si tratta di uno dei più eminenti scienziati del Novecento, anche se di critiche e atteggiamenti di scherno non è stato scevro.

Sinossi: Uno dei punti di forza del lavoro di Luigi Luca Cavalli-Sforza è l’abbraccio multidisciplinare che ha innervato il suo approccio alla ricerca scientifica. Gli studi sull’evoluzione biologica di Homo sapiens e sulla genetica delle popolazioni, di cui è stato un pioniere, non avrebbero avuto la stessa dirompente carica innovativa se non fossero stati letteralmente nutriti dai fondamentali apporti dell’antropologia, della linguistica, dell’archeologia, della storia demografica. Questo sguardo trasversale trova compimento in una delle intuizioni più felici e raffinate di Cavalli-Sforza: il concetto di evoluzione culturale, una lettura dello sviluppo culturale degli ultimi 60.000 anni dell’uomo fatta con la lente della teoria dell’evoluzione darwiniana. Le pagine di Cavalli-Sforza, commentate da Telmo Pievani, brillano per chiarezza espositiva, profondità del pensiero e curiosità intellettuale. Sono un inno all’uomo e alla sua storia. Con un saggio di Telmo Pievani.

136 pagine, comprese di Bibliografia finale, che si leggono velocemente, senza tedio e senza scossoni. Gli argomenti, pur rimanendo incentrati sull’Evoluzione culturale, si diramano quasi come quelle fronde genealogiche degli alberi da lui tanto amati, quelli importanti, quelli dotti che poi portano a riflettere sull’out of Africa. Ci sono molti argomenti, tutti interessanti, contenuti in questa manciata di pagine; la cultura tra gli animali, i meccanismi della trasmissione culturale, la cinetica dell’evoluzione culturale, i fattori di evoluzione culturale, la distinzione fra trasmissioni genetica e trasmissione culturale, gli esempi di trasmissione ed evoluzione culturale nell’uomo, le interazioni tra genetica e cultura… tanto per voler sintetizzare – ma rendendo l’idea – riportando i titoli dei capitoli.

Ho sottolineato in un paio di punti, ho riflettuto, mi sono stupita, ho collegato e scollegato… ehm… forse “scollegato” non lo dovevo scrivere ma le righe in cui c’erano troppe formule algebriche, sarà stata l’ora notturna in cui leggevo il libro, mi scollegavano le vescicole sinaptiche, limite mio di certo!

Mi è piaciuto veramente tantissimo anche il breve saggio finale di Telmo Pievani, filosofo, accademico ed evoluzionista italiano di cui leggerò presto “Homo sapiens e altre catastrofi”.

Una risposta a "“Evoluzione culturale” – Luigi Luca Cavalli Sforza"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: