Se siete soliti andar per foreste, state attenti al Rübezahl!

Siete fanciulle ingenue, ma fino a un certo, che amano andar per boschi e foreste inseguendo farfalle o raccogliendo fiorellini? State attente a questo gigante delle montagne! Si chiama Rübezahl ma il nome non ha da tangervi giacché - secondo lo scrittore tedesco Johann Karl August Musäus - da quando la principessa Emma l'ha gabbato...... Continue Reading →

“Nodi”, partendo da un quadro…

"Spazzolare, spazzolare… devo spazzolare. E poi sciogliere, sciogliere… devo sciogliere questi maledetti nodi che mi tengono vincolata ad incantesimi e prigioni. Perché sono condannata ad intrappolare o a sentirmi in trappola? Nessuno è libero, nemmeno mentre nuota, solo, in mezzo al mare, tra cielo e acqua, tra nuvole e abissi, tra vita e morte. Sciogli,... Continue Reading →

Non di sole rose profuma Maria

Dentro le pagine di un libro ho trovato piante, fiori e alberi che assumono tratti mistici, spirituali. Fiori per ciabatte e piante come capelli... Dentro questo quadro ho immaginato tutto questo. Tra arte e folklore, tra sacro e profano, la letteratura orale si mescola alle pennellate gotiche, e il tempo genera dipinti in divenire.

Autunno su tela, tra simboli e fantasia…

A proposito d'autunno, oggi ho scelto un quadro di uno dei più importanti pittori dell'età moderna, della scuola ferrarese: Francesco del Cossa "Autumn (Polyhymnia)" 1455-1460 La bellezza di questa tela! Una donna forte, in cima alla collina. Rientra dalla fatica, ma non ha lo sguardo sfatto. La scarpa sinistra in bilico sull'orlo dello scalino. Dietro di... Continue Reading →

Una Lettre d’amour… in punta di pennello

Ho scattato questa foto l'anno scorso, durante una meravigliosa visita al  Rijksmuseum.  Inutile dirvi che di foto, in quei giorni, ne ho fatte a iosa. Oggi, forse complice il contesto in cui mi ero calata per scrivere, mi sono ritornate in mente certe foto ed eccovene una: Perdonatemi la scarsa qualità della foto ma, ovviamente, all'interno... Continue Reading →

Tra Cerere e Papaveri

Quadro: William-Adolphe Bouguereau - L'estate Beatitudine. Beatitudine... questo sto, ora, provando. Il mio sguardo si incaglia nell’aria che mi circonda... nulla, nulla mi cattura l’attenzione. Troppo movimento ho in corpo, troppa passione! Guardo il vuoto perché in lui ritrovo il tutto. I miei capelli si annodano, come fili di corvino cotone, ai gambi di raffinata seta... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: