Dall’uomo che vendeva ricordi, al bambino che disegnava parole.

letture

Ieri ho terminato la lettura del libro di cui vi avevo accennato: “L’uomo che vendeva i ricordi“.

Si è trattato di una lettura particolare, oserei dire inusuale, in questi tempi moderni in cui i neologismi cercano di far deragliare parole dal sapore elegante.

Donato di Capua, l’autore, non centellinando descrizioni dettagliate, ha permesso un tempo di lettura pacato che, anziché tediare il lettore gli permette di trovare il piacere di una lenta lettura.

Ogni singola parola ha il suo perché, mentre accompagna Emanuele – il protagonista – durante la ricerca del suo senso della vita.

Leggendolo ho, per osmosi, ascoltato Janis Joplin, letto Gibran e Pavese (cose che, comunque, faccio da sempre anche nella realtà). Sono entrata a Villa Verde, centro di accoglienza per anziani; ho conosciuto persone che definire particolari è riduttivo tanto quanto definirle terrene. Ho assistito alla nascita, in età matura, del suo primo vero amore.

Ho visto il fiorire di un ulteriore amore, quello per la vita.

Un amore, quest’ultimo, capace di donare dipendenza!

E il limite del tempo… ma poi il tempo è oppure ha limite?

Spesso, leggendo, sottolineavo dei passaggi.

Qui la mia recensione completa:

http://www.culturalfemminile.com/2017/09/25/luomo-che-vendeva-ricordi-donato-di-capua/

Stasera ho iniziato a leggere un libro uscito in libreria il 13 settembre, da pochi giorni affacciato sul mondo.

Il bambino che disegnava parole” scritto da Francesca Magni ed edito dalla Giunti.

Il sottotitolo è chiaro: Un viaggio verso l’isola della dislessia e una mappa per scoprirne i tesori.

Il bambino che disegnava parole

So che mi emozionerò, che mi si stringerà il cuore dentro più morse di tenerezza.

So che dentro quegli occhi azzurri, che mi fissano dalla copertina, mi perderò…

 

6 risposte a "Dall’uomo che vendeva ricordi, al bambino che disegnava parole."

Add yours

  1. Lteture interessanti, cara Lisa; mi permetto di consigliratene un’altra: “La speranza non fa rumore”, di Chiara Bertoglio. diciamo che è un po’ sulla falsariga del testo che stai leggendo; solo che a parlare (tramite le parole che Chiara usa nel trascriverle) sono person econ problemi ben più gravi. Insomma, è un libro carico di umnaità, che mi ha fatto venire i brividi, per ogni storia ache leggevo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Riabilitazione e stimolazione cognitiva

Psicologa Neuropsicologa, Dott.ssa Samuela Tagliati

ilcavalibridotcom1.wordpress.com/

Guida enoletteraria che abbina un vino ad ogni libro

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimultietnico

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: