“Il vecchio e il mare” di Hemingway e il parere di Maria, 12 anni

Stavolta non scriverò le mie “una parola tira l’altra su…” ma darò, metaforicamente, lo scettro a Maria, 12 anni. Copio-incollo (aggiungendo solo link, colori e altre impostazioni tecniche) lasciando puro ciò che lei mi ha mandato:

IL VECCHIO E IL MARE

Ernest Hemingway

Ernest Hemingway nacque il 21 luglio 1888 a Oak Park e morì il 2 luglio a Cuba. Egli fu autore di romanzi e racconti e nel 1954 vinse il Premio Nobel per la letteratura.

Presentazione del protagonista:

Santiago è un vecchio pescatore cubano, solitario e testardo, dalla corporatura magra, dal viso solcato da profonde rughe e da chiazze provocate dai riflessi del sole sul mare tropicale, dalle mani ricche di cicatrici e dagli occhi azzurri come il mare, allegri e indomiti.

La trama:

Santiago, colpito dalla sfortuna, è ormai da ottantaquattro giorni che non riesce a pescare nemmeno un pesce e Manolin, il suo giovane allievo, è costretto dal padre ad andare a lavorare su una barca fortunata e questo porterà a rafforzare la loro amicizia. Il giorno successivo, l’ottantacinquesimo, il pescatore decise di spingersi con la barca al largo, perché lì c’erano i pesci più grossi e infatti poco prima di mezzogiorno pescò un enorme marlin, appartenente ad una specie simile al pesce spada. Passarono tre giorni dalla cattura e finalmente il grosso pesce rallentò la presa permettendo al vecchio di legarlo alla sua barca. Una volta morto, l’animale lasciò dietro di sé una lunga scia di sangue che attirò l’attenzione di un pescecane, ma nonostante Santiago lo avesse ferito con la fiocina, riuscì comunque ad azzannare una buona parte del marlin. In seguito altri squali uscirono per mangiare la preda e il vecchio, stanco e senza forza, non riuscì ad impedire l’attacco dei pescecani. Così del marlin ne rimase solo la carcassa. Quella sera Santiago raggiunse la sua capanna e si addormentò in un sonno profondo. Il giorno seguente tutti gli abitanti, che avevano perso la fiducia in lui dopo i suoi ottantaquattro fallimenti, rimasero a bocca aperta, invece Manolin che aveva sempre creduto in Santiago tornò a pescare con lui.

Commento personale di una frase significativa:

“È un pescecane grosso e devo vincerlo”

Dopo ottantaquattro giorni Santiago non ha mai perso la fiducia in se stesso e la sua resistenza è stata ripagata con una grossa preda e lui ha lottato fino alla fine pur di vincerla.

Messaggio dell’Autore:

L’autore di questo libro vuole spiegare che la grandezza e la dignità dell’uomo non stanno nella vittoria ma nell’impegno e nel rigore con cui si affronta la lotta.

Giudizio personale motivato:

Questa storia di amicizia, impegno e coraggio coinvolge i lettori appassionatamente, anche quelli a cui non interessa la pesca. Per questo motivo mi è piaciuto e l’ho letto con molto piacere!

Maria.

Ernest Hemingway, Arnoldo Mondadori Editore, libro, raccolta, Il vecchio e il mare, una parola tira l'altra
L’edizione che ha letto Maria è questa, pubblicata da Arnoldo Mondadori Editore nel 1981. Una copertina bellissima, vero?
Ernest Hemingway, Collezione Premio Nobel, libro, raccolta, Il vecchio e il mare, una parola tira l'altra
Invece il mio “Il vecchio e il mare” è contenuto in questa raccolta Collezione Premio Nobel Editore CDE (Club Degli Editori), 1989. La rivestitura in stoffa ha sempre un suo gran perché

2 risposte a "“Il vecchio e il mare” di Hemingway e il parere di Maria, 12 anni"

Add yours

    1. Grazie, la mia intenzione è quella di pubblicare una sua “recensione” almeno una volta al mese; la conosco da quando è nata e mi piace molto la sua matura sensibilità. Mi piace darle spazio, dar spazio a un giudizio “bambino”, puro, semplice, pulito come sempre i giudizi dovrebbero essere, scevri di impronte di crescita. Vorrei che avesse presto una sua rubrica 😉 e solitamente, quando mi metto in testa una cosa… 😉
      Grazie anche a te per averci letto e per i complimenti che anche a me rivolgi.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

un blog malin-comico

ho detto sì all'amore ma non avevo capito la domanda

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Sindrome di Stendhal

"Tutte le arti si assomigliano - un tentativo per riempire gli spazi vuoti." Samuel Beckett

Libri vagabondi

Un viaggio infinito tra le pagine magiche dei libri

Amabililettureblog

" La Vita inizia dove finisce la Paura". cit. OSHO

THE SECRET BOOKREADER

Il Blog del Lettore Segreto

LA GAZZETTA DEL SOLE

Solo notizie positive

BiblioBuscate

Il blog della biblioteca di Buscate

Metis Magazine

NEWS IS ALL YOU NEED

Vally's Bookshelf

Non riesco a dormire se non sono circondata da libri

libreria La Vispa Teresa

libreria per ragazzi

Babe, Val Resia

Pratiche, saperi, credenze, rituali e folklore in Val Resia (Udine) Friuli Venezia Giulia

La poltrona gialla

Racconto storie di libri, cibi, luoghi, viaggi, persone, fantasia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: